Fichi: freschi o secchi. Come conservarli e altri piccoli segreti…

foto fichi rango

Come si conservano i fichi?

Il periodo estivo è il momento giusto per fare il pieno di fichi, soprattutto nelle località balneari del sud Italia. Il problema è il loro veloce deperimento, quindi è importante avere alcune accortezze per consumarli subito o, al limite, per fare prodotti che si possano conservare per il resto dell’anno.

Innanzitutto bisogna sapere che i fichi si deteriorano molto rapidamente: in caso si volessero consumare freschi, è importante mangiarli entro due giorni dall’acquisto. Per scegliere i fichi giusti bisogna osservarli bene: devono essere paffuti e teneri (ma non troppo molli), non devono presentare ammaccature e devono avere un profumo leggermente dolce.

I fichi freschi maturi non devono essere lavati fino al momento di mangiarli e vanno tenuti tassativamente in frigorifero.

Nel caso abbiate fatto una scorta importante ci sono due modi per riuscire a conservarli: preparare ottime confetture oppure farli seccare.

Come fare la confettura di fichi

La confettura di fichi è una ricetta tipica di fine estate, caratterizzata da un sapore autentico e gustoso. Si tratta di un prodotto indicato in particolare per la preparazione di crostate ma risulta perfetto anche spalmato sulle fette biscottate, da mangiare a colazione oppure come spuntino a metà mattina o nel pomeriggio. Il suo gusto lo rende perfetto per arricchire un tagliere di formaggi stagionati. Le confetture di fichi artigianali sono preparate interamente a mano, dalla raccolta della frutta alla lavorazione, dall’invasettamento all’etichettatura.

Ci sono diversi modi per cucinare una confettura di fichi: su Internet si trovano numerose e semplici ricette. L’importante è rispettare le proporzioni degli ingredienti: essendo il fico un frutto dolce, è importante non utilizzare troppo zucchero. Una buona proporzione è 1 chilo di frutti – 250 grammi di zucchero (meglio se di canna).

Come fare i fichi secchi

L’essiccazione deve avvenire al sole, lasciando i “frutti” freschi maturi per un periodo di 5-7 giorni. Fare i fichi secchi in casa è molto più salutare rispetto a comprare quelli in commercio, che spesso vengono trattati con sostanze chimiche disinfestanti. Per evitare il problema degli insetti potete utilizzare semplicemente una retina!

L’unica accortezza da mantenere durante questa operazione è di ritirarli la sera, in modo tale che non assorbano l’umidità della notte.

Passati i 7 giorni, bisogna fare passare i fichi essiccati nel forno preriscaldato a 180 gradi per circa un quarto d’ora. Questo processo crea la tipica doratura che si può trovare in tutti i fichi secchi.

Proprietà nutritive

I fichi sono ricchi di acqua, grassi e zuccheri. Al loro interno non mancano poi le fibre e i minerali, in particolar modo il potassio, il fosforo, il ferro, il calcio e il sodio. Il potassio di cui il fico è ricco, è indispensabile per l’organismo, perché regola la pressione sanguigna e la quantità d’acqua presente nel corpo. Il fosforo aiuta a assorbire calcio e produrre energia, il ferro contrasta l’anemia e il sodio regola diverse funzioni dell’organismo. Il fico, oltre ad essere ricco di minerali è una buona fonte di vitamine del gruppo B (in particolare, B1, B2, B3 e B6), vitamina C e vitamina A. Le mucillagini presenti al suo interno invece, hanno proprietà lassative e aiutano nella cura di problemi come le emorroidi.

Il fico è noto principalmente per i benefici che svolge sul sistema digestivo. Grazie ad alcuni enzimi contenuti nei fichi, il nostro corpo riesce ad assimilare meglio i cibi. Sembra infatti che riescano a normalizzare la produzione dei succhi gastrici, agendo allo stesso tempo anche da antinfiammatori nei confronti delle pareti intestinali.

I fichi sono un alimento molto energetico, l’ideale per gli sportivi. Sono inoltre ricchi di fibre e lignina, e per questo sono molto importanti per il corretto funzionamento dell’intestino.

Il loro contenuto di ferro, di potassio e di magnesio li rende perfetti per chi fa sport di resistenza, prevenendo l’insorgere della fatica e dei crampi.

Visto il loro contenuto di grassi e di zuccheri non sono l’alimento ideale per i diabetici e in generale per le persone con problemi di peso.

 

Fonte: http://www.artimondo.it/magazine/fichi-secchi-freschi-proprieta-benefici/

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page